Lunedì, 02 Dicembre 2019 11:50

Una ONLUS per il Popolo

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Resilienza Italia ONLUS Resilienza Italia ONLUS

Resilienza Italia ONLUS è nata per il Popolo.

Resilienza Italia ONLUS si oppone fermamente ad un sistema che non consideri inalienabile la dignità umana della persona o che la tratti, presuntuosamente ed in modo odioso, alla stregua di una merce di scambio “negoziabile”.

L’obiettivo di Resilienza Italia ONLUS è:

  • promuovere, divulgare e tutelare i diritti fondamentali ed inalienabili dell’uomo
  • vigilare che non vengano violati proditoriamente
  • segnalare coloro i quali si macchino di tali violazioni
  • fare in modo che vengano ripristinati quei diritti sottratti illegittimamente, privando la persona umana (status anche costituzionalmente riconosciuto, che precede e domina quello di semplice “cittadino”) di quegli irrinunciabili requisiti necessari per un’esistenza prospera, dignitosa, socialmente armonica e in evoluzione positiva, per le future generazioni di Italiani.

Resilienza Italia ONLUS si propone di mettere in atto strategie e progetti, stringere protocolli d’intesa ed attivare procedure, ogni qual volta si presentino violazioni o minacce alla libertà della persona umana, alla sua integrità, al suo equilibrio e serenità e a quello del suo nucleo familiare, fondamento dell’intera società di un Paese che vuole definirsi civile.

La perdita incolpevole del posto di lavoro, l’improvvisa indigenza, con la pericolosa inerzia che ne consegue, la risposta alle necessità primarie di sostentamento, di cura, di istruzione, di occupazione, di sostentamento economico della propria esistenza di esseri umani, sono solo alcuni degli enormi ostacoli che gli italiani stanno subendo in questo difficile passaggio storico della nostra Nazione che, purtroppo, non hanno più la forza e il coraggio di affrontare, con spirito RESILIENTE (ovvero traendo vantaggio e creando opportunità a partire da una “crisi”, da un travaglio generale, creato ad arte da potentati quasi invisibili, invece che soccombervi passivamente).

Agli individui va consentito nuovamente di progettare, progredire e anche sognare un futuro migliore, anziché vivere in condizione di instabilità e paura costanti.

Resilienza Italia Onlus ha lo scopo primario proprio di reperire e coordinare le sinergie adatte a realizzare una forza collettiva e resiliente, che spinga sui temi fondamentali del sociale, non solo a parole o con inutili proclami di tipo politico, ma essenzialmente con l’azione concreta del FARE INSIEME, essendo maggioranza direttamente interessata al benessere collettivo.

Possiamo pensare insieme e poi realizzare servizi necessari, costruire ambulatori, scuole, nidi, luoghi di residenza per chi non ha abitazione, ospedali, ricoveri per anziani che non siano degli orrendi lager, laboratori di formazione professionale per i nostri ragazzi, consorzi di produzione auto-gestiti, imprese vivide e fiorenti, sviluppare il concetto di comunità auto-gestita e sviluppare economia reale e indotti, per farne un meraviglioso e reale disegno collettivo e reale.

Possiamo aggirare le lungaggini burocratiche nel sistema sanitario, che minano la sicurezza e la salute degli individui, possiamo bypassare le farragini e gli ostacoli di un apparato che si mostra spesso non più idoneo a dare risposte ed assistenza, anzi, che sembra troppo spesso inerte e disinteressato, di fronte alla domanda dei cittadini.

Possiamo e desideriamo cavalcare l’onda di un evidente desiderio di EVOLUZIONE del genere umano, che sembra sospinta ed aiutata da eventi storici che tendono al CAMBIAMENTO e al rinnovamento del rapporto tra uomini e donne, in un pianeta che è alla vigilia di un cambio epocale nella coscienza collettiva, ora maggiormente consapevole.

Resilienza Italia ONLUS si propone quale volano di questa nuova progettualità del fare concreto, fondata sull’identificazione degli intenti e dei desideri di ciascuno, valorizzandone le capacità, i progetti, le invenzioni, le innovazioni di chi trova difficoltà nel realizzarle.

Una ripartenza economica, basata sull’unicità del genio italico e sul desiderio di conservare, spesso restaurare, un patrimonio-paese del quale solo un popolo unito, volenteroso e cosciente può avere cura, in mancanza di attenzioni da parte di chi finora ha amministrato su delega dei cittadini.

Una nuova costruzione SOCIALE a chilometro zero

A questo scopo, contiamo su una già esistente rete territoriale, con sedi regionali, provinciali e comunali, che lavora in sinergia con il Direttivo per garantire una tutela capillare, diretta, mirata a coinvolgere fattivamente gli italiani, insegnando loro a fare rete e ad allargare gli orizzonti e le aspettative, in modo da accogliere altri italiani in difficoltà, offrendo soluzioni occupazionali. Aiutandosi tra donne e uomini di questa Nazione, perché non si viene al mondo per morire di debiti ed in stato di indigenza.

Immagine articolo res 1

 

Il Borgo della Canapa di Resilienza Italia Onlus

Il progetto "Il Borgo della Canapa" è una grande opportunità per l’agricoltura italiana e si propone di creare il primo Centro Polifunzionale Sperimentale (ripetibile in tutte le regioni d'Italia) che funga da volano per riqualificare, riconvertire e radicare nuovamente la storica Cultura della Canapa nei territori agricoli del nostro Paese. In questo modo sarà possibile creare un circuito economico virtuoso, dal seme alla farina, dall’olio ai prodotti lavorati dalle sapienti manifatture italiane del settore alimentare, con la collaborazione di esperti e il contributo di agricoltori, imprenditori e produttori a livello nazionale. La nostra iniziativa solidale, che prevede la realizzazione di un complesso di manufatti, destinati ad accogliere un frantoio e un mulino, con annesso silos, confezionatrice, imbottigliatricelaboratorio di ricerca finalizzati all’estrazione e confezionamento di olio extra-vergine, farina, latte, burro e olio CBD ottenuti da semi di canapa e infiorescenze, dedicato al settore alimentare e cosmetico, uno spazio destinato al pubblico che proponga il prodotto in modo sapiente ed accattivante, uno spazio dedicato alla trasformazione ed il confezionamento della fibra per poter ricavare materiale per edilizia, tessile, bio-plastiche, cellulosa (carta), ecc. e uno spazio destinato alla didattica e formazione per far conoscere le proprietà organolettiche e salutari delal canapa con l’aiuto di materiale informativo, relatori e formatori professionisti accreditati e infine incontri a tema appositamente organizzati, mirati alla formazione ed alla divulgazione sul tema Canapa come risorsa.

Perchè una ONLUS?

Perché Resilienza Italia si propone, come da Business Plan, di utilizzare il reddito netto del Primo Centro Polifunzionale per creare altri centri in tutte le regioni Italiane in modo da creare lavoro e quindi una economia virtuosa, in altre parole un’economia Resiliente 2.0. Inoltre il 10% del ricavato netto e 1 euro per ogni prodotto venduto, saranno devoluti alla stessa ONLUS per creare all’interno del borgo o nei terreni adiacenti allo stesso, strutture in bio-edilizia utilizzando il bio-mattone di Canapa (strutture come asili nido, scuole, aree giochi, palestre e molto altro) che saranno messe a disposizione in maniera totalmente gratuita a tutti i membri delle famiglie che lavoreranno in maniera diretta o indiretta al Borgo Della Canapa, in modo da creare una vera e propria Comunità sicura e serena.

Un Progetto di una importanza rilevante sia dal punto di vista di impatto ambientale (ricordiamoci il valore aggiunto di questa pianta), sia dal punto di vista di impatto sociale/economico (un’economia virtuosa che darebbe lavoro a circa 10.000 persone e creerebbe delle vere e proprie comunità indipendenti).

Oggi tutti parlano di coltivazione di Canapa, e tutti parlano di Filiera Agricola della canapa, ma manca ancora qualcosa, un CENTRO POLIFUNZIONALE DI TRASFORMAZIONE come “IL BORGO DELLA CANAPA”  che, in collaborazione con il Ministero dell’Agricoltura ( he darà le linee guida) e con le Università (che si occuperanno di ricerca), permetterà a tutti gli agricoltori che si avvicinano a questa coltura di avere una certezza di acquisto del loro prodotto e quindi darà alla parte commerciale una certezza di vendita dello stesso lavorato in prodotto finito qualitativamente eccellente.

 

Immagine articolo res 2

Le grandi idee, nascono combinando qualcosa di nuovo con qualcosa di molto antico, in questo caso la combinazione di una pianta antichissima con la civiltà moderna.

Il progetto è molto importante sia dal punto di vista di impatto ambientale che sociale, oltre che economico. Parliamo di una pianta, la canapa, che darebbe vita e vigore al 70% di terreni incolti presenti sul nostro suolo Italico.

La stessa può:

  • bonificare terreni (Ilva, terra dei fuochi, Piombino ecc.) già 3 cicli di coltivazione
  • realizzare bio-edilizia, bio-plastica, bio-massa, cellulosa, pasta di cellulosa ad uso carta (non ci sarebbe più bisogno di abbettere alberi), alimentare, agroalimentare, cosmetico, farmaceutico e ancora molto altro
  • Resilienza Italia Onlus ha già circa 10.000 iscritti e oltre 15.000 aziende pronte a collaborare una volta che il progetto abbia iniziato il suo percorso.

Aiutaci oggi a realizzare il nostro sogno. Un mondo più sostenibile è possibile.

 

Letto 318 volte Ultima modifica il Mercoledì, 04 Dicembre 2019 15:45

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.